Messaggio a tutti i laici di AC

Quaresima 2020

Carissimi laici di AC della diocesi di Carpi,
in questo periodo di forte provvisorietà e senso di smarrimento abbiamo bisogno con ancor più forza di stringerci al Signore Gesù.
Il prolungarsi di tempi nuovi da vivere con senso di incertezza e perdita di sicurezze materiali, ci invita a riconoscerci sempre più donne e uomini fragili che necessitano di trovare legami più forti con il nostro Padre.
Guardando al silenzio che si va creando intorno alle famiglie e alle persone, private di relazioni, anche a giusta ragione, dobbiamo porre la nostra attenzione a far sì, che il silenzio non si trasformi in vuoto, in apatia, in degrado.
Dobbiamo ripartire proprio dal significato del silenzio vissuto positivamente, come Gesù, che, mosso dallo Spirito Santo, per quaranta giorni si isolò in relazione con il Padre.
L’impossibilità di creare incontri strutturati per la formazione delle coscienze, come gli Esercizi Spirituali (siamo ad annullare tutti i turni di Esercizi Spirituali del tempo di Quaresima), ci chiama ancor di più a responsabilizzare la nostra fede.
Il rischio di attendere, di sotterrare il nostro talento, proteggendolo per tempi migliori, ci fa ammalare spiritualmente.
Dobbiamo far ripartire con un nuovo slancio missionario la cura della vita di fede proprio dalle relazioni più intime e prossime che non abbiamo dovuto abbandonare.
Marito e moglie, genitori, figli, amici di pianerottolo, tutti coloro che percepiscono la forza dello Spirito, che spinge a prendersi cura della prossimità più contingente, devono responsabilmente discernere, insieme alla Chiesa locale e al nostro vescovo, per creare, vivere e far germinare momenti di preghiera, di relazione con il Signore in questi nuovi tempi.
L’Azione Cattolica che continua ad accompagnare il cammino dei laici, insieme ai propri pastori, invita a rimanere appassionati alla speranza della Resurrezione; la croce di questa Quaresima non ci spaventi.
La fantasia dello Spirito ci aiuterà a scoprire nuove vie da percorrere: l’invito è quello di continuare a sentirci in comunione con la preghiera personale o in famiglia, attraverso i media, i sussidi, le comunicazioni della diocesi e ciò che i vari settori e articolazioni di AC stanno preparando e condivideranno nei prossimi giorni.

Buon cammino quaresimale a tutti, con affetto

il presidente pro-tempore Nicola Mistrorigo,
il Consiglio diocesano
e l’assistente generale don Riccardo Paltrinieri

Cosa stai cercando?