Servire e dare la propria vita

Esercizi spirituali di Quaresima 2021

È trascorso un anno e purtroppo siamo ancora qui ad organizzarci per una Quaresima “a distanza sociale”, ma l’AC di Carpi non si arrende, anzi sfrutta questa occasione per fare le cose in grande: gli esercizi spirituali di Quaresima unitari, che erano stati programmati per il 13 e 14 marzo, quest’anno saranno trasmessi online sul canale YouTube dell’AC di Carpi, già usato in diverse occasioni, e sul nostro sito in questa pagina dedicata da venerdì 12 marzo. Un’occasione per condividere e aprire a tutti l’esperienza di esercizi spirituali, molto cara all’AC.

A guidare gli esercizi spirituali sarà il nostro vescovo mons. Erio Castellucci, che ha scelto come tema l’icona biblica dell’anno dell’Azione Cattolica nazionale: “Servire e dare la propria vita (cf. Mc 10,35-45)” e lo farà attraverso quattro meditazioni di 20 minuti l’una:

  1. “Vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo”: pretesa o implorazione?
  2. “Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni”, la fraternità ferita: predazione o donazione?
  3. “Tra voi però non è così”, il potere e servizio nella società e nella Chiesa: dominio o autorità?
  4. “Il Figlio dell’uomo non è venuto per farsi servire, ma per servire”, l’icona del servizio: farsi servire o servire?

“Le meditazioni commentano l’episodio del Vangelo di Marco 10,35-45, nel quale Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di condividere la sua gloria e Lui risponde parlando del servizio” spiega mons. Erio. “Le meditazioni punteranno sul significato della preghiera (pretesa o implorazione?), sulle ferite della fraternità (predazione o donazione?), sul potere e la sua gestione nella società e nella Chiesa (dominio o autorità?) e sulle modalità del servizio inaugurato da Gesù (farsi servire o servire?).
Ad ogni frase del Vangelo siamo posti di fronte ad un bivio – continua mons. Castellucci -, un bivio in cui il Signore ci chiede di scegliere tra la ricerca egoistica del nostro interesse privato e l’impegno a far crescere la famiglia, la società e la Chiesa“.

“Gli esercizi spirituali hanno riscosso sempre molto successo all’interno dell’associazione, sono una tradizione consolidata nel tempo, un weekend all’insegna del silenzio e della preghiera lontano da casa, un’esperienza a cui non potevamo rinunciare” spiega Carlotta Coccapani, presidente di AC di Carpi.
“L’idea di proporre quattro meditazioni online al posto di un weekend strutturato di esercizi spirituali è quella di dare l’opportunità a chiunque voglia seguirle di organizzarsi al meglio per ritagliarsi uno spazio di silenzio e di esercizi spirituali con i propri tempi e modi, che per ognuno di noi in questo periodo di pandemia sono diversi”.

Cosa stai cercando?