I legami che ci sostengono

Un pensiero e un augurio di Natale

L’arrivo di Gesù è pieno di disagi: un annuncio inaspettato, un matrimonio quasi compiuto, il censimento, la stanza che non si trova, la necessità di fuggire… Maria e Giuseppe ci insegnano cos’è la fedeltà: davanti ai drammi che potevano scoraggiarli e bloccarli si sono affidati ai sogni di Dio e hanno giocato in essi tutta la loro vita.

Quest’anno per il Paese, per la Chiesa e in piccolo per la nostra associazione è stato un tempo di prova, di incertezze, di paure, ma anche di gioia, di scoperta di nuovi modi per stare insieme, di scommesse, di grandi sogni.
Ogni parrocchia si è reinventata e ha trovato un modo di mantenere vive le relazioni. Le attività formative e di incontro (quando si poteva in presenza altrimenti online) non sono mancate, anzi in alcuni casi si sono rafforzate e hanno trovato più risposta di quanto si pensasse, anche al di fuori dell’associazione, segno di un’Azione Cattolica viva e desiderosa di offrire momenti di preghiera, riflessione e condivisione con tutti, nonostante tutto.

Abbiamo fatto esperienza di quella rete di relazioni e di legami che ci sostengono e si prendono cura di noi, nella consapevolezza che non è una rete che sta in piedi da sola, bensì si fonda sui sogni di Dio: un popolo che nella fatica sta accanto con cura e attenzione l’un l’altro, annunciando a tutti il Suo amore.

Il Natale ci ricorda proprio questo, che il Signore ha scelto di farsi piccolo e di camminare insieme a noi per sostenerci nelle difficoltà e farci vivere la vita nella pienezza della gioia.
Auguriamoci reciprocamente di vivere il Natale con l’orizzonte di Dio, nell’attesa della sua venuta e nella cura dei fratelli!

di Carlotta Coccapani, presidente di AC di Carpi

Cosa stai cercando?