50 anni di Azione Cattolica dei Ragazzi

Buon compleanno ACR!

A cinquant’anni si inizia inevitabilmente ad essere additati come persone di “mezza età”, alludendo con garbo alla soglia della vecchiaia.

Questo discorso si è dimostrato non valido per l’Azione Cattolica dei Ragazzi (ACR) che nella prima settimana di novembre ha festeggiato i 50 anni dalla nascita e si è mostrata ancora giovane. Tante celebrazioni e festeggiamenti in tutta Italia, a partire dal 1 novembre in Piazza San Pietro a Roma, dove sono accorsi bambini ed educatori da tutta Italia, fino al 9 novembre nella parrocchia di Novi, dove l’ACR è stata festeggiata dagli ACRini della nostra diocesi.

I festeggiamenti diocesani non potevano non iniziare se non con il video dei saluti che Papa Francesco ha rivolto ai presenti a Roma il 1 novembre e con quelli del responsabile nazionale Luca Marcelli. In particolare, Luca ci ha ricordato che la festa non finisce con la fine dei festeggiamenti, perché “nei nostri cuori non si spegneranno le luci, ogni volta che torneremo all’incontro con il Signore, l’unico in grado di accenderle davvero; non si spegneranno le luci nelle associazioni parrocchiali e diocesane se continueremo a volere loro bene, se sapremo dire ‘ti voglio bene ACR, mi impegno a renderti più bella’; non si spegneranno se sapremo prenderci cura delle nostre città; se ci metteremo dalla parte del buono, del bello e del vero; se sapremo preferire una parola gentile a una parola urlata, i ponti ai muri; se il nostro essere amici di Gesù ci porterà ad essere amici di quelli che nessuno considera, che tutti escludono”.

Durante il pomeriggio, più di 350 bambini e ragazzi hanno giocato per conoscere le tappe fondamentali della storia dell’ACR: la nascita nel 1969, a partire dal desiderio di Vittorio Bachelet; l’inizio della catechesi esperienziale nel 1974 (un cammino che parte dalle esperienze di vita dei bambini per aiutarli a riconoscere e vivere la fede nel quotidiano); i principali incontri nazionali nel 1979, nel 1997 fino al più recente “C’è di più”, festeggiato nel 2010.

L’intento dell’ACR è da sempre quello di puntare l’attenzione su quell’immensa ricchezza che i bambini ed i ragazzi rappresentano ORA (e non in un futuro non meglio precisato) per la Chiesa e per il Paese. Intento evidentemente condiviso anche dal vescovo don Erio Castellucci e dal vicario generale don Gildo Manicardi, che sono passati per un saluto ai bambini ed educatori presenti, e da tutti i parroci che hanno festeggiato con noi sabato pomeriggio, di persona o con preghiere e sostegno, durante tutto l’anno.

Prima della immancabile merenda, bambini e ragazzi hanno pensato ciascuno a un desiderio per l’ACR.
Sono i sogni dei bambini e dei ragazzi per un’ACR che raggiunga tutti i loro compagni e che continui ad essere per altri 100 anni, un tempo di grazia per crescere nella fede.

Cosa stai cercando?